Consorzio CALEF

Il CALEF è un consorzio per la ricerca e lo sviluppo delle Applicazioni industriali del Laser E, del Fascio elettronico e dell’ingegneria di processo, materiali, metodi e tecnologie di produzione. È un consorzio di ricerca, senza finalità di lucro, fondato nel 1998 da ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), Calzoni S.p.A., Costamasnaga S.p.A., Ettore Zanon S.p.A. e Rodriquez Cantieri navali (RCN) S.p.A., per svolgere attività di ricerca nel campo della saldatura, taglio e trattamento delle superfici di materiali metallici, per specifiche applicazioni nel settore navale e ferroviario, utilizzando tecnologie laser e del fascio elettronico (EB).

Le attività e iniziative di ricerca sono rivolte anche a promuovere e trasferire le conoscenze e competenze acquisite al sistema italiano, con particolare attenzione alle PMI. Nel corso degli anni le attività del Consorzio si sono estese al campo più generale dei materiali avanzati e dell’ingegnerizzazione dei processi e metodi di produzione industriale con finalità applicative nel settore del trasporto. Ciò è stato possibile a seguito dei cambiamenti della compagine consortile che ha registrato l’ingresso di partner con conoscenze e competenze in molteplici campi specialistici che vanno dalla ricerca di base all’alta formazione e training professionale (ENEA, Politecnico di Bari, Università della Calabria, Università degli Studi di Salerno, Istituto Italiano della Saldatura-IIProgress) allo sviluppo di apparecchiature industriali laser (El.En. S.p.A., RTM S.p.A., e Lasit S.p.A., TTM S.r.l.) e alla produzione industriale nel settore aeronautico (Alenia Aermacchi S.p.A., Boeing Operations International Inc. APR s.r.l.), e dell’automotive (Fiat Auto S.p.A., Centro Ricerche Fiat S.C.p.A.).

Le attività di ricerca e sviluppo del Consorzio sono svolte nei laboratori presso il Centro Ricerca Trisaia di ENEA (Matera) e nelle sedi dei diversi partner.

Politecnico di Bari

Il Politecnico di Bari è un'Università pubblica italiana nata nel 1990 con lo scopo di rappresentare un polo di eccellenza internazionale finalizzato al “progresso culturale, scientifico e tecnologico, mediante l’organizzazione della ricerca in campo scientifico, tecnologico, umanistico ed economico-sociale e dell’istruzione superiore, prioritariamente negli ambiti dell’Architettura e dell’Ingegneria, nonché l’elaborazione e il trasferimento delle conoscenze scientifiche e tecnologiche più avanzate, per lo sviluppo della società e del territorio" (art. 1 – Statuto del Politecnico di Bari). L’attività di ricerca avviene nei Dipartimenti di Ricerca.

Il Dipartimento è la struttura che coordina, attua e sviluppa, anche su più sedi e in collaborazione con altri enti, le attività di ricerca scientifica, didattiche e formative nonché quelle rivolte all'esterno. Nell’ambito del progetto, il Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management (DMMM) assume un ruolo di primaria importanza per i propri ambiti di ricerca:

- Sez. Management;
- Sez. Progettazione Meccanica;
- Sez. Tecnologie ed Impianti;
- Sez. Macchine ed Energetica;
- Sez. Matematica.

Leggi tutto

Politecnico di Milano

Il Politecnico di Milano (PoliMi) è un'Università statale italiana a carattere scientifico-tecnologico, fondata il 29 novembre 1863 a Milano con il nome di "Regio Istituto Tecnico superiore". I suoi campi di studio e ricerca scientifica comprendono l'ingegneria, l'architettura e il design.

Oltre a rilasciare i titoli accademici di laurea, master universitari e dottorato, il Politecnico è impegnato in attività di ricerca avanzate a livello nazionale e internazionale, attraverso i Dipartimenti di Ricerca. Il Dipartimento è responsabile delle attività di ricerca in settori tra loro coerenti per contenuti e metodi o per obiettivi, nonché dello sviluppo delle competenze per le corrispondenti attività didattiche.

Nell’ambito del progetto, il coinvolgimento del PoliMi (Dipartimento di Meccanica) interessa particolarmente l’area di ricerca “Prodotti e processi industriali” che comprende:

- Ergonomics & Design;
- Manufacturing and Production System.

Leggi tutto

CAMI - Center for Automotive & Mobility Innovation

Il CAMI - Center for Automotive and Mobility Innovation è un centro di ricerca che fa capo al Dipartimento di Management - Università Ca’ Foscari Venezia. Il suo scopo è quello di contribuire al dibattito scientifico e alle scelte dei decision maker privati e pubblici esplorando le implicazioni del cambiamento in atto nell'industria dell'auto (derivante dalla diffusione di nuovi modelli d'uso dell'auto e dallo sviluppo di nuove tecnologie) su due fronti:

- l'evoluzione della mobilità individuale e le connesse trasformazioni del mercato;
- l'organizzazione e le scelte strategiche degli attori dell'industria della mobilità.

Le principali attività del centro consistono nello sviluppo di progetti di ricerca con partner globali accademici e industriali e nella disseminazione dei risultati di ricerca attraverso pubblicazioni scientifiche, partecipazioni a convegni, organizzazione di eventi pubblici, comunicazioni mirate (sito web, newsletter). Con riferimento alla mobilità e all’automotive industry, il centro si propone di convogliare contributi interdisciplinari. In questo senso, le aree di interesse sono numerose e includono, tra le altre, strategic management, innovation management, organization design, operations management, economic sociology, industrial organization, sustainable mobility e urban plannig. Il centro conta su una serie di contatti privilegiati con altri studiosi di queste tematiche in centri di rilevanza internazionale, tra cui il Program for Vehicle Mobility and Innovation - Wharton School, la Columbia University, la Strategic Organization Unit dell'University of Southern Denmark.

Leggi tutto